Pane semplice con semola

Per accompagnare il coniglio stufato (Fenkata) cucinato per Malta, che potete trovare qui, ho impastato e cotto del pane.

La ricetta e’ stata presa da questo link, il risultato e’ stato molto buono. Mi rammarico solamente della poca alveolatura del risultato.

Ingredienti

400 g di farina di semola rimacinata di grano duro
200 g di farina tipo 1
10 g di lievito di birra fresco
400g di acqua a temperatura ambiente
10 g di sale

Procedimento

Sciogliete il lievito di birra fresco in una parte di acqua (presa dal totale).
Versate tutta la farina, il lievito sciolto e l’acqua rimasta in una ciotola (della planetaria).
Impastate (a mano o aiutandovi con la planetaria) fino a raggiungere una certa consistenza dell’impasto; aggiungete per ultimo il sale.
Continuate ad impastare fino all’incordatura, ossia fino a quando l’impasto si stacchera’ da solo dalle dalle pareti della ciotola.
A questo punto il panetto dovrà risultare liscio ed omogeneo.

Pieghe in ciotola (per rinforzare l’impasto):
travasate l’impasto in una ciotola leggermente unta di olio. Prendete un lembo di impasto, allungatelo verso l’alto e poi portatelo al centro dell’impasto stesso. Girate la ciotola, e ripetete il gesto fino al giro completo.
Lasciate riposare per 20 minuti.
Ripetete il giro di pieghe in ciotola.
Fate riposare per altri 30 minuti.

Giri di pieghe:
trasferite l’impasto su un piano di lavoro leggermente infarinato di semola.
Fate il primo giro di pieghe a 3.
Lasciate riposare l’impasto 30 minuti coperto da una ciotola (si dice “a campana”).
Trascorso il tempo di attesa, ripetete il secondo giro di pieghe a 3.
Lasciate riposare nuovamente altri 30 minuti coperto da una ciotola.
(il numero di giri di pieghe dipende dalla tenacia del vostro impasto. Se dopo il primo giro, il vostro impasto è bello sostenuto, fermatevi con le pieghe).

Trascorso il tempo, trasferite l’impasto in una ciotola leggermente unta di olio e lasciate lievitare un’altra ora, coperto con pellicola trasparente.
La temperatura ideale per la lievitazione è 26/27°C.

Formatura del filone:
capovolgete l’impasto su una spianatoia spolverata di semola, appiattite dolcemente con le mani, quindi formate il filoncino, nel verso della lunghezza piegate verso l’interno i lembi laterali, sigillate bene e chiudete le estremità.
Potete formare il filone anche arrotolando l’impasto nel verso della lunghezza, avendo cura di ripiegare verso l’interno le estremità.

Lievitazione:
rivestite un cestino con un canovaccio spolverato di abbondante farina di semola. Trasferiteci il pane con la chiusura in alto. Spolverate con farina di semola.
Lasciate lievitare il filone fino a quasi il raddoppio (1 volta e mezzo il volume iniziale).

Accendete il forno statico a 240°C, inserite nel forno una ciotola con acqua per garantire l’umidità necessaria.
Spolverate ancora il pane con farina di semola.
Capovolgere il filone sulla teglia bollente.

Cottura:
infornate a 240° per 20 minuti con vapore.
Abbassate poi la temperatura a 200°C, togliendo la ciotola con l’acqua (FATE ATTENZIONE!!!) e cuocete per altri 25 minuti.
Gli ultimi 5 minuti, cuocete con fessura del forno aperta per far uscire il vapore in eccesso (per lasciare lo sportello del forno appena aperto, potete utilizzare una pallina di carta stagnola o un cucchiaio di legno).

Il pane è cotto quando, bussando nella parte inferiore, questa suonerà come vuoto.

Sfornate il pane e lasciatelo raffreddare in piedi sopra una griglia.

Tagliate il pane solo quando sarà completamente raffreddato.

 

Un po’ qua … und ein bisschen dort

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *