Orzotto ai carciofi – in pentola a pressione

Al supermercato ho trovato dei carciofi, ed ho subito pensato di acquistarli per preparare qualche piatto diverso.

In un primo momento l’idea e’ andata ad una bella padellata con carciofi e patate, mai poi ho dirottato su di un primo piatto abbastanza veloce: un ottimo orzotto ai carciofi.

Diciamo che non li acquisto spesso, cosi’ che mi manca la manualita’ della loro pulizia.
So che il fiele, la barbetta, deve essere eliminata e che, una volta tagliati e’ meglio lasciarli in acqua con limone per evitare la loro ossidazione.
Quello che piu’ mi “frega” sono le foglie esterne: non so mai bene fino a che punto bisogna rimuoverle e come riconoscerle.
Fortunatamente i carciofi acquistati erano tipo “mammole”, quindi erano abbastanza arrotondati e non avevano le punte all’estremita’.
Ancora adesso, ad ogni modo, continuo a pensare perche’ diavolo non li abbiano venduti anche con il gambo, anch’esso commestibile.
E si, lo so, non sono stati il massimo della freschezza, ma ogni tanto mi devo accontentare, anche se in negativo.

Ecco qui la mia ricetta, molto semplice e senza molti fronzoli, dato che per Tobias si e’ trattato del primo assaggio a questo ortaggio.

Ingredienti per l’orzotto ai carciofi

200gr di orzo perlato
1 scalogno
4 carciofi
olio
burro (per mantecare)
grana (per mantecare)
400ml acqua/brodo vegetale

Procedimento

Iniziate con la preparazione dei carciofi: lavateli, puliteli e tagliateli.
Metteteli in ammollo con acqua fredda e succo di limone.

Carciofi

Non fate come me, che li ho totalmente massacrati.
Avevo pensato di affettarli piu’ piccoli, ma poi ci ho ripensato (nel caso non dovessero piacere) e con questa dimensione e’ facile pescarli e rimuoverli dal piatto.

Carciofi

Nella pentola a pressione inserite un goccio di olio poi aggiungete lo scalogno tritato.
Fate ammorbidire per poi aggiungere i carciofi scolati dall’acqua (se non sono asciutti potrebbe schizzare, fate attenzione).

Cuoceteli per qualche minuto, prima di inserire l’orzo perlato.
Fate tostare mescolando bene.

Inserite il liquido (brodo di verdura / acqua) e mescolate ancora un pochino.
Chiudete la pentola e portate a temperatura; al fischio abbassate e calcolate 15  minuti (la meta’ del tempo riportato sulla confezione del vostro orzo).

Aprite e regolatevi con i liquidi: se troppo brodoso allora potete cuocere ancora un pochino senza coperchio, cosi’ da fare evaporare un poco.
Mantecate con burro e grana.

Orzotto ai carciofi – in pentola a pressione

Servite subito.

Orzotto ai carciofi – in pentola a pressione

Note Personali

  • Ho inserito tanto liquido quanto il doppio del peso dell’orzo. Forse avrei potuto inserirne ancora un goccio in piu’: tutto il liquido e’ stato assorbito e la preparazione e’ risultata un tantino asciutta.

Un po’ qua … und ein bisschen dort

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *