1 giorno di scuola

Dopo tanti mesi di permanenza a casa, con lo studio remoto prima e con le vacanze estive poi, tutti gli studenti non vedevano l’ora di (re-)iniziare finalmente la scuola.


Soprattutto per liberarsi dalle grinfie delle mamme, persone che non perdono tempo a far fare qualche mestiere e chiedere aiuto ai propri figli, giusto per non vederli annoiare e ciondolare da una parte all’altra.
Io, chiaramente, non sono da meno.

Considerate, poi, che questa mattina mio figlio fischiettava contento mentre si metteva le scarpe!

Quest’anno sara’ in ottava classe, che corrisponde piu’ o meno alla prima superiore per noi italiani, cosi’ ci sara’ un nuovo reimpasto nella classe.
La prima divisione degli studenti era successa effettuata in 6sta classe, con la distinzione tra chi seguiva le lezioni di francese e chi latino.
Ora lo smistamento e’ dovuto a chi vorra’ proseguire con le materie matematiche e chi linguistiche… alla fine, della vecchia classe, si sono ritrovati solamente in 7.
Gli insegnati?
Ogni anni cambiano, cosi’ da non aver preferenza con gli studenti e favorirne alcuni a discapito di altri.

Ma la scuola, il nostro Ginnasio in particolare, come gestisce la situazione Covid?

Così come si è concluso l’anno scolastico precedente, anche questo anno scolastico sarà caratterizzato da restrizioni dovute al Covid.

Molto importanti sono le speciali misure comportamentali e igieniche dei singoli: oltre alle misure igieniche generali, è essenziale indossare una copertura per la bocca e il naso.
Per le prime 2 settimane di scuola (fino al 18 settembre), e’ obbligatorio per tutti indossare una maschera nei locali interni della scuola, così come nel cortile della scuola aperta.

Nel regolamento scolastico bavarese è ora chiaramente formulato che i diritti e gli obblighi esistenti per gli scolari e gli insegnanti, per favorire l’eventuale insegnamento a distanza.
Fortuna, dato che durante il periodo di lockdown, diciamo pure che gli insegnanti che si sono veramente distinti per proseguire con la continuita’ scolastica erano stati veramente pochi.

Il Ginnasio locale pare essere una delle scuole superiori più grandi della Baviera, con circa 1.550 studenti suddivisi in 44 classi, senza un grosso distanziamento in classe, ma confido molto nella capacita’ critica di azione dei singoli allievi.

Al fine di garantire che la distanza minima di 1,5 m tra gli studenti nelle diverse classi sia mantenuta, gli orari di inizio e fine delle lezioni sono stati scaglionati rispetto all’anno scolastico precedente. Gli orari di ingresso/uscita dipendono dall’aula della prima o dell’ultima lezione, cosi’ da evitare che tutti gli allievi si ammassino nella stessa frazione di corridoio per accedere alla loro classe.
Una altra soluzione adottata e’ stata quella di accorpare le lezioni il piu’ possibile, cosi’ che il raggiungimento nelle classi “speciali” (chimica, informatica, fisica, etica, etc..) viene diluito.
Ottimo, dal mio punto di vista, cosi’ da evitare di portare un gran numero di libri (e relativo peso) tutti i giorni a scuola.

Anche le serate di incontro dei genitori non si svolgeranno probabilmente a scuola, ma, se possibile, in forma digitale.

Foto presa da Internet

E se dovessero esserci nuovi casi di positivita’ covid?
Le lezioni si basano su un piano in tre fasi, a seconda del tasso di infezione che si basa sull ‘“incidenza a 7 giorni” (ovvero il numero di nuovi contagi negli ultimi sette giorni per 100.000 abitanti in un distretto o un distretto urbano).

Livello 1:
Funzionamento regolare soggetto a requisiti di igiene (incidenza di 7 giorni inferiore a 35): Funzionamento regolare nel rispetto del piano igienico generale

Livello 2:
Requisito della maschera in classe (incidenza di 7 giorni tra 35 e 50): Obbligo per gli alunni di indossare un copri naso e bocca anche al posto a sedere in aula, se lì non è garantita la distanza minima di 1,5 metri.

Livello 3:
Modificare il modello e il requisito della maschera (incidenza di 7 giorni su 50): Suddivisione delle lezioni e delle lezioni in alternanza settimanale e lezioni a distanza (eccezione: una distanza minima di 1,5 metri può essere mantenuta in loco anche con le dimensioni delle classi piene) e obbligo di indossare un copri naso e bocca anche presso la sede in aula

 

Spero che tutto proceda comunque bene ed auguro un immenso in bocca al lupo a tutti gli studenti

Un po’ qua … und ein bisschen dort

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *