#66 Repubblica delle Isole Marshall. Patate dolci e banane fritte.

Le isole Marshall (in inglese: Marshall Islands) sono uno stato insulare dell’Oceania (181,42 km², 50 840 abitanti nel 1999 ), con capitale Majuro o, più propriamente, Dalap-Uliga-Darrit.

La nazione (una repubblica presidenziale) è composta dagli arcipelaghi Ratak e Ralik, situati fra gli Stati Federati di Micronesia a ovest e Kiribati a est.
Le lingue ufficiali sono il marshallese e l’inglese; il tedesco e il giapponese sono parlati da una minima parte dalla popolazione. Dal 1884 al 1919 furono una colonia dell’Impero tedesco, facendo parte della Nuova Guinea tedesca.

Le Isole Marshall Islands, in pratica, fanno parte della Micronesia.

Per questa Nazione, leggendo il loro stile leggero di alimentazione, ho pensato di cucinare un piatto semplice (per quanto possibile…).

Ho dunque preparato del pesce marinato ( orata… si, lo so, da loro non esiste.. ma neppure qui riesco a trovare lo squalo ) al forno, con un contorno di riso bianco.
Giusto per il “tocco” esotico, ho preparato delle patate dolci e banane fritte.

Le patate dolci e le banane sono dunque gli ingredienti per un delizioso piatto marshallese  semplice ma nello stesso tempo pieno di sapore e sostanze nutritive, fatto con solo tre ingredienti principali: patate dolci bollite, banane, idealmente acerbe e burro o olio di cocco per friggere.
Le banane e le patate dolci sono fritte, combinate e pronte per essere servite, preferibilmente come contorno che accompagna pesce alla brace o piatti di maiale.

Ingredienti per la patata dolce e banana fritta

1 patata dolce lavata e pelata
2 banana
2 cucchiaini di burro, o olio di cocco, per friggere

Procedimento

Iniziate a precuocere la patata dolce, tagliata a cubetti, in acqua.
Se volete potete usare la vaporiera (come o fatto io) o la pentola a pressione.

Olio di cocco

In un pentolino aggiungete il burro (o l’olio di cocco) e fate friggere la banana tagliata a pezzetti e la patata dolce precedentemente cotta (e quindi ammorbidita).

Friggete sino a che non avrete ottenuto un colore dorato.
Logicamente se usate olio di cocco, il sapore sara’ decisamente diverso, piu’ autentico.

Isole Marshall. Patate dolci e banane fritte.

Noi abbiamo accompagnato questo insolito accompagnamento con delle orate marinate, poi cotte in forno-griglia.

Isole Marshall. Patate dolci e banane fritte.

La principale fonte di proteine ​​per il paese è il pesce e la cucina locale comprende anche pollo, maiale e frutta locale tra cui cocco, pandanus, pane e banana, nonché kau kau (patata dolce) e sago, un amido estratto dal centro spugnoso di vari steli di palme tropicali.
La cucina si basa naturalmente su piatti a base di pesce fresco cucinato in maniera semplice e accompagnata da riso o da salse piccanti o a base di cocco
Ottimi i granchi giganti e la produzione di cocco (da cui si ricava dell’ottimo olio).
Nella capitale e nelle isole più moderne si possono trovare le bevande tipiche occidentali, come la birra, il vino o i liquori, ma sono spesso molto care.

La cucina delle Isole Marshall è influenzata dalle tradizioni cinesi, coreane, indiane e occidentali.
Pesce, aragosta e calamari vengono consumati più spesso, insieme a una vasta gamma di frutti tropicali come frutto della passione, ananas, mango e banane. Anche la noce di cocco, lo zucchero bianco e la vaniglia sono abbondanti.
È interessante notare che, a causa della sovrappopolazione delle isole, gran parte del cibo del paese è ora importato, portando un alto tasso di obesità poiché gli alimenti trasformati hanno guadagnato il favore di alimenti freschi più costosi. Numerosi programmi di nutrizione sono attualmente in corso per aiutare a combattere questa tendenza allarmante.

In tutte le Isole Marshall il cibo non è solo apprezzato per il sostentamento, ma viene utilizzato per creare e mantenere la coesione.
Il caffè e la cola hanno sostituito il latte di cocco come bevanda principale.

Enjoy your meal

Un po’ qua … und ein bisschen dort

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *