Ficus elastica robusta

Il Ficus Elastica Robusta e’ una comune pianta ornamentale, presente in molte case, della famiglia delle moracee.

Il Ficus Elastica Robusta viene chiamato spesso anche con il nome di albero della gomma o del caucciù, e’ una pianta perenne e non fiorisce.
Se trattata bene e “sopravvive” regala comunque un punto verde in casa, o all’esterno, dato che puo’ vivere anche al di fuori delle mura domestiche (mantenendo comunque certe limitazioni di temperature) raggiungendo anche i 30metri di altezza.

Si tratta di una pianta che può arrivare fino ad un’altezza pari a 2-3 metri (all’interno !) , mentre presenta delle foglie dalle dimensioni piuttosto importanti, con una colorazione verde scura, piuttosto lucide e con una lunghezza che può arrivare anche fino a 30 centimetri.
Le foglie sono grandi e lunghe anche fino a 30-40 cm, di forma ovale.

Nella prima fase dello sviluppo le foglie della pianta di Ficus Robusta si caratterizza per essere contenute in una guaina dalla colorazione rossa, che poi si rimuove.

Ficus Elastica Robusta

Clima e esposizione
Le temperature non dovrebbero scendere mai al di sotto dei 12 gradi: il freddo potrebbe metterne a rischio la sopravvivenza.

Questa specie ama molto la luce, ma non i raggi solari diretti.
Quest’estate l’ho portata fuori in giardino e, dai risultati, direi che ha proprio gradito la nuova posizione – temporanea – nell’angolo ed in penombra.

Ficus Elastica Robusta – a maggio
Ficus Elastica Robusta – a maggio
Ficus Elastica Robusta – insieme ad un cymbidium – a maggio
Ficus Elastica Robusta – settembre
Ficus Elastica Robusta – settembre

La temperatura ideale si aggira dai 16 ai 24 gradi.

Terreno
Il substrato deve essere ricco, ben drenato e soffice.
E’ possibile mescolare del terriccio per piante da giardino (terriccio universale) a qualche pezzetto di corteccia e della sabbia.

Attenzione, pero’, non ama i ristagni di acqua

Quando l’ho travasata, a giugno, ho utilizzato della corteccia per orchidee che avevo in casa.

Irrigazione e concimazione
Dalla primavera all’estate è fondamentale garantire delle irrigazioni regolari, all’incirca due volte a settimana. Prima di procedere attendiamo però che il terriccio sia ben asciutto, perchè i ristagni potrebbero causare il marciume radicale.
Dall’autunno in poi si potrà diradare l’operazione.

Arrivando da una foresta tropicale richiede un ambiente umido, e’ meglio ogni tanto vaporizzare la chioma… giusto per farla sentire “a casa”.
Comunque teme gli ambienti secchi.

La concimazione va effettuata ogni due settimane circa durante il periodo caldo.

Rinvaso
All’incirca ogni 3 anni sarebbe opportuno procedere con il rinvaso o quanto meno non appena si nota che le radici fuoriescono dai fori dei vasi.
E’ consigliabile effettuare questa operazione a primavera.

A breve dovro’ riportarla in casa.
Speriamo che continui cosi’… nel frattempo non mi resta che cercarle una zona fresca ma luminosa.

 

Alcune curiosita’ su questa pianta:

  • Come tutte le altre Ficus, anche questa varietà viene impiegata per purificare l’aria degli appartamenti. Difatti riesce ad eliminare tossine e formaldeide.
  • Viene chiamata pianta della gomma (rubber tree in inglese) proprio perché dal lattice che fuoriesce dai suoi rami si ricava una sostanza utile per realizzare la gomma.

Un po’ qua … und ein bisschen dort

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *