Cucina

non nel senso del verbo all’imperativo, ma nei termini di “luogo”.

Si, nonostante tutto, sono veramente contenta e soddisfatta del risultato ottenuto.

Ne e’ veramente valsa la pena connettersi via Internet, trovare un mobiliere sul confine (Bolzano) e prenderla in Italia.
Qui i costi per le cucine sono stratosferici e, devo ammettere, gli operai bolzanesi hanno lavorato bene e sono stati decisamente onesti.

Inoltre la persona che ci ha seguiti (Luciano Dall’Aglio – della Dall’Aglio Arredamenti) , che poi e’ praticamente il titolare, e’ una fonte inesauribile di idee..

Ed ecco il risultato ottenuto.

Gli elettrodomestici ed il lavandino, comunque, sono stati acquistati qui a Patatolandia.

Un po’ per la garanzia, un po’ perche’ costano meno rispetto all’acquistari in Italia.

Il piano centrale e’ di legno naturale, non trattato.
Al momento copro gelosamente il tavolo con degli strati doppi (tovagliette americane sotto, tovaglia sopra) per evitare il suo sfregamente imminente.
La dispensa ad angolo e’ totalmente integrata ma sembra un locale a se stante.

Che dire?

Tutti mi guardano il “mio regno” con una certa invidia.
E’ uno spazio immenso┬á ­čÖé

E lo scolapiatti (terzo punto fermo del mio trasloco a Patatolandia)?
Lo abbiamo!
Sono pochi i tedeschi che lo conoscono, ma il mio e’ piu’ che sfruttato.
Mi spiace per coloro i quali non conoscono questo “attrezzo”, perche’ non sanno cosa si perdono ed i notevoli vantaggi che apporta┬á ­čÖé

E pensare chei negozi di cucine qui a Patatolandia, ai quali ho richiesto lo scolapiatti, non lo volevano inserire nei loro progetti, dicendo che era inutile, avendo la lavastoviglie.

Ma vogliamo continuare a parlare di questo meraviglioso lavandino?
Amore a prima vista (Condor 80 – V&B)?

Sara’… ma il cliente ha sempre ragione.
In un primo momento il lavandino mi e’ arrivato di color “fossil” (grigio) e, nonostante tutto, si integrava perfettamente al colore del granito; ma questa era la nostra seconda scelta
il risultato fosse┬á un po’ troppo cadaverico (causa grigiume) ,┬á ci siamo abituati per alcuni mesi ad averlo con noi.

Dopo Natale┬á hanno sostituito il lavandino-grigio con un brillante “Grani-Apricot” (noto giusto ora che hanno tolto da catalogo il nostro colore).

Il risultato e’ semplicemente meraviglioso!

Un po’ qua … und ein bisschen dort

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *