#65 Regno di Svezia. Köttbullar med mos och sylt

Dopo il giro fatto in Ikea, mi e’ venuta la voglia di arrivare nuovamente in Europa.
Eccoci dunque  in Svezia!

La Svezia, ufficialmente chiamata Regno di Svezia (in svedese: Konungariket Sverige), è uno Stato dell’Unione Europea, situato nella penisola scandinava.

Confina con la Norvegia a ovest e con la Finlandia a nord-est; è bagnata dal mar Baltico e dal Golfo di Botnia a est, e dagli stretti dello Skagerrak e del Kattegat a sud-ovest; lo stretto dell’Øresund, che separa la Svezia dalla Danimarca, è dal 2000 attraversato dal ponte omonimo che collega i due Paesi rispettivamente tra Malmö e Copenaghen.

La Svezia è una monarchia costituzionale il cui sovrano è, dal 1973, Carlo XVI Gustavo, il primo ministro è Stefan Löfven.

Fino al XIX secolo la Svezia era, invece, uno degli Stati più poveri d’Europa.
In seguito, lo sviluppo dei trasporti permise un intenso sfruttamento delle sue risorse naturali (legname e ferro), fattore che portò a un vigoroso sviluppo. Un elevato livello di istruzione e le liberalizzazioni economiche contribuirono, alla fine dell’Ottocento, all’affermarsi di un’avanzata industria manifatturiera.
I primi decenni del XX secolo furono caratterizzati dall’affermarsi dello stato sociale, che rimane tra i più efficienti al mondo

Il Köttbullar med gräddsås (polpette con salsa di panna) è ampiamente considerato il piatto nazionale svedese. I Köttbullar sono più piccoli e hanno un sapore diverso rispetto alle polpette italiane e sono quasi sempre serviti con salsa di panna.
La ricetta apparve per la prima volta in un libro del leggendario Cajsa Warg, pubblicato nel 1755, e da allora è stato uno dei preferiti.
La ricetta autentica non esiste, cosi’ come le opinioni sui gräddsås (salsa di panna) sono ancora più differenti.

Con questa premessa, mi appresto a prepararle.

Ingredienti per “Köttbullar med mos och sylt” – Polpette con pure’ e marmellata – La ricetta e’ stata presa da qua

4 cucchiai di pangrattato bianco fresco
4 cucchiai di latte o acqua
225 g di carne di maiale tritata
225 g di carne di vitello o di manzo tritata
2 cucchiai di cipolla grattugiata *
1 uovo, leggermente sbattuto
3 o 4 pimento intero, schiacciato
sale e pepe bianco appena macinato
2 cucchiai di burro, per friggere

* La cipolla è meglio grattugiata che tritata

Salsa di panna
300 ml (1¼ tazze) di acqua calda
½-1 cubetto di brodo di manzo
2 cucchiai di farina (farina per tutti gli usi)
100 ml (7 cucchiai) di latte o acqua
½-1 cucchiaino di salsa di soia
2-3 cucchiai di crema

Procedimento

Mettete il ​​pangrattato in una ciotola capiente e aggiungete 4 cucchiai di latte o acqua.
Lasciare che assorbano il liquido per circa 5 minuti.

Aggiungete il trito, la cipolla grattugiata, l’uovo, il pimento e il condimento. Mescolate con le mani o un cucchiaio di legno fino a quando non viene miscelato uniformemente. Non mescolate troppo o le polpette saranno pesanti.

Prendete un cucchiaio di impasto e arrotolalo fino a quando è bello e rotondo. (Sciacquate le mani in acqua fredda se il composto è troppo appiccicoso.) Ripetete fino a quando non si è esaurito tutto il composto, si dovrebbe avere tra 30 e 40 polpette.

Scaldate un cucchiaio di burro in una padella a fuoco medio-alto fino a quando il burro smettera’ di sfrigolare.
Friggete metà polpette, agitando frequentemente la padella quando le aggiungete per la prima volta.

Quando saranno ben dorate, abbassate il fuoco e cuocete per altri 10 minuti. Togliete le polpette dalla padella e tenetele calde.

Svezia. Köttbullar

Aggiungete un altro cucchiaio di burro e friggete le polpette rimanenti allo stesso modo, fino a terminarle.

Svezia. Köttbullar

Gräddsås
Quando le polpette sono cotte, rimuovete la padella dal fuoco e aggiungete l’acqua calda e usatela per raccogliere tutti i pezzetti di carne nella padella. Portatela a ebollizione e lasciatela sobbollire per un minuto o due.

Setacciare il composto in una casseruola, aggiungete il cubo di brodo e mescolate fino a quando non sarà sciolto.

Unite la farina con il latte o l’acqua e mescolate fino a quando non si è sciolto. Versate nella casseruola, mescolando continuamente.
Fate bollire la salsa per 5 minuti.

Aggiungete la salsa di soia e la panna.

Scaldate per un altro paio di minuti, mescolando continuamente con un cucchiaio di legno. (Usate una frusta se vi piace un po’ di schiuma. Se piacciono molte le bolle, usate un frullatore ad immersione con la lama metà dentro e metà fuori dalla salsa).

Assaggiate e regola il condimento.

Servite le polpette con lingon rårörda, purè di patate ( Potatismos), cetriolo pressato e un leggero strato di salsa.
Versare il resto della salsa di panna in una brocca per consentire alle persone di prenderne ancora se ne vogliono di più….

Svezia. Köttbullar med mos och sylt

Note

• Prendete del tempo facendo rotolare la carne in polpette tra i palmi delle mani, altrimenti le polpette si deformeranno rapidamente quando le friggerete, durante la cottura.
• Cuocete/friggete le polpette in due lotti perché se se ne friggono troppe contemporaneamente cuoceranno a vapore anziché dorare.
• Non avendo il dado di carne  ho usato quello di pollo


La cucina svedese (Svenska köket) è l’espressione dell’arte culinaria sviluppata in Svezia.
Tra i primi piatti, la cucina svedese annovera le zuppe, come la arter med flask a base di carne di maiale e piselli e la zuppa a base di orzo (Tisdagssoppe).

Protagonista della cucina svedese è il pesce, in particolar modo l’aringa che viene preparata nei più diversi modi: affumicata, fritta, marinata, in umido o servita con panna acida.

La carne viene utilizzata molto meno rispetto al pesce , si utilizza carne di alce, vitello, renna e maiale. Viene spesso accompagnata da marmellate, fra le quali spicca di più la marmellata di mirtilli rossi. Nel nord della Svezia è popolare la pölsa, un pasticcio di frattaglie di maiale aromatizzato.
Durante il periodo natalizio è abitudine consumare il prosciutto natalizio: secondo la tradizione è un piatto di origine germanica, nato come tributo alla divinità pagana Freyr, come auspicio di fecondità.

Base di molti dolci della tradizione dolciaria svedese è lo zenzero, con cui si preparano dei biscotti natalizi, i Pepparkakor.
Vi sono, inoltre, i lussekatter che sono dei dolci a base di uva passa e zafferano, i kanelbulle, tipici rotolini alla cannella divenuti oggi simbolo della cucina svedese anche all’estero e i chokladboll, palline al cocco e cioccolato facili da preparare.

La cucina svedese è strettamente legata alle atmosfere del Nord
Il piatto forse più popolare sono le svenska köttbullar, ovvero le polpette con potatismos (patate schiacciate con burro, sale e una goccia di latte), gräddsås (salsa alla panna) e lingonsylt (marmellata di mirtillo rosso).
Esiste una e vera e propria tradizione, che si chiama fika: mangiare un dolcetto in compagnia, tra familiari, amici o colleghi.
Una cena svedese in famiglia è fatta da piatti semplici come un pasticcio di carne (la carne chiamata kött, può anche essere di alce e renna) con insalata e gratin di patate, o un janssons frestelse, un gratin di patate e pesce. Le patate, come si vede, sono tra gli ingredienti primari della cucina svedese.
A carnevale si preparano i semlor, sorta di pandolci rotondi aromatizzati con cardamomo e ripieni di pasta di mandorle e panna montata.
Piatti tipici Köttbullar med mos och sylt, le polpettine svedesi – Sono tra i piatti più famosi che si conoscono in tutto il mondo fra le specialità della Svezia. Sono le classiche polpettine a base di carne e servite con purè di patate e composta di mirtilli.
Rodbetsallad: È una sorta di insalata composta da barbabietole bollite con le mele, i cetrioli, rafano e panna acida.
Pytt i Panna: È un tipico piatto unico svedese. Si tratta di un pasticcio di carne di manzo o di carne di maiale servito con patate, barbabietola, cipolle e uovo fritto in accompagnamento.

I dolci svedesi sono quasi tutti profumati di cannella e spezie.

Un dolce tradizionale natalizio svedese è il Risgrynsgröt, riso dolce alla cannella.
Tra i dolci più particolari che si possono mangiare in Svezia il Nyponsoppa, ovvero una specie di zuppa dal sapore dolce e profumato alla rosa, che si serve con mandorle.

Smaklig måltid

Un po’ qua … und ein bisschen dort

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *