Melanzane

In casa sono prevalentemente io a mangiare verdura.
Quando vado a fare la spesa, ne acquisto sempre tanta, pur sapendo che nessuno mi aiutera’ nel terminarla.Poi, spesso, mi vengono in mente preparazioni particolari, che magari avevo mangiato in Italia ed ora non piu’.
Cosi’ penso a come prepararle… il tempo passa ed io non ho cucinato nulla, con il rischio di far andare anche a male gli ingredienti.

Ma non in questo caso.

Volevo assaporare una caponatina, solitamente fatta con melanzane, peperoni, cipolle ed altre verdurine… una delizia, insomma..
I peperoni li avevo fatti andare tutti nella mia peperonata.
Le cipolle erano terminate.

Che fare?
Vabbe’, uniamo un po’ diverse ricette che si trovano in rete e facciamola diventare una sola 🙂

Ingredienti

3 melanzane
sale grosso
1 carota
sedano
1 bicchiere scarso di passata
una manciata pinoli
una manciata uvetta
mezzo cucchiaino di aceto di mele

Procedimento

Lavate, tagliate a dadini le melanzane e, con l’aggiunta di sale grosso, fatele spurgare.

Sciacquatele per eliminare il sale in eccesso, strizzatele bene.
Pre riscaldate la friggitrice (ad aria) a 180gradi.
Inserite i dadini di melanzana e fate cuocere per circa 10minuti, aprendo e smuovendo il contenuto del cestello.

Melanzane in friggitrice

Fate rinvenire l’uvetta in acqua calda.

In una padella scaldate l’aglio, la carota ed il sedano.


Unite le melanzane – pre cotte – e mescolate bene, aggiungete la passata e fate cuocere.

Nel frattempo scaldate i pinoli in una padella – senza condimento – per pochi minuti.

Inserite l’uvetta ed i pinoli.
Nel caso in cui la passata si dovesse ritirare troppo, aggiungete un goccio d’acqua.

Portate la cottura a termine e, pochi minuti prima, sfumate con l’aceto di mele.

Buon appetito

Niente pentola a pressione questa volta?
Si, ci avevo pensato… ma la cottura delle melanzane e’ talmente veloce che, a mio avviso, non ne vale la pena.
Inoltre sarebbe risultata una “pappa”, rilasciando le melanzane l’acqua di vegetazione..

Un po’ qua … und ein bisschen dort

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *